7 consigli per il trekking 2022

di Alte Prestazioni Sport

Indice:

L'ultima frontiera di libertà è il trekking. Dopo anni di restrizioni e "lockdown" sono molte le persone che hanno scelto di praticare escursionismo, o per meglio dire trekking. Infatti, che si tratti di brevi passeggiate ("hiking") nel fine settimana o di vere e proprie vacanze, chi decide di camminare in mezzo alla natura deve conoscere (almeno) le regole basilari.


Il trekking è una delle attività migliori per fare sport, permette di stare a contatto con la parte più pura di noi stessi e allo stesso tempo di poter ammirare nuovi paesaggi, mettendo alla prova anche il proprio istinto primordiale.


Sin dalle prime uscite ti innamorerai del trekking, ma per goderti le tue avventure in tutta sicurezza, cerca di "formarti" ed informarti con suggerimenti come questi:

  1. Verifica le previsioni meteorologiche Il primo errore da evitare quando si fa trekking è quello di partire senza controllare il meteo. Purtroppo la montagna è imprevedibile, talvolta si parte con una giornata di sole e all'improvviso arriva il temporale. Per questo è fondamentale guardare le previsioni fornite da siti attendibili, in modo tale da non doversi trovare nel bel mezzo della nebbia o di un temporale.
  2. Indossa abbigliamento tecnico Non ci si improvvisa escursionisti ipotizzando che il trekking sia un'attività semplice e che richieda solo gambe e fiato. Nulla di più sbagliato! Sì, la preparazione atletica è molto importate, ma per andare a camminare in montagna serve un abbigliamento adeguato: abiti tecnici che facciano traspirare, un pile in caso di freddo improvviso, e, altro elemento fondamentale, delle scarpe comode, leggere e maneggevoli da indossare con calze senza cuciture per evitare le vesciche.
  3. Alimentati in modo adeguato Prima e durante un'escursione, la nostra alimentazione deve essere corretta ed equilibrata. Considerando che di solito ci si incamminata già nelle prime ore del mattino, il pasto pre-uscita coinciderà con la colazione, la quale dovrà essere ricca (ovviamente senza esagerazioni) e varia. Ipotizzare di abbuffarsi con l'idea di accumulare energia per il cammino è un grande errore. È sconsigliato mangiare un intera torta utilizzando la classica scusa: "il trekking durerà tante ore".
  4. Segui il sentiero "La sicurezza sempre al primo posto". Questo è davvero molto importante, prendi seriamente questo consiglio: EVITA DI USCIRE DAL SENTIERO, specialmente se sei alle prime armi. Ogni anno migliaia di persone, tra CAI e corpo forestale, si prendono cura dei sentieri, sistemandoli e preparandoli per noi, pertanto, evitiamo di fare stupidaggini e sfruttiamo la segnaletica. Muoversi al di fuori dei sentieri non solo mette in pericolo noi stessi, ma anche le altre persone. Pietre, ghiaia e altro potrebbero cadere e colpire chi cammina poco più sotto.
  5. Scegli un percorso adatto Prima di partire per una qualsiasi escursione in montagna pianifica in anticipo la tua uscita, controllando i vari tempi di percorrenza. Verifica l’altitudine e il dislivello da affrontare, adattando queste informazioni alle tue capacità fisiche e mentali o a quelle del tuo gruppo. Se non sei sicuro della tua scelta, puoi sempre telefonare agli uffici turistici che ti forniranno le migliori informazioni e consigli sui sentieri. Se ti trovi in rifugio scambia qualche parola anche con i gestori o con le persone del posto: loro conoscono ogni particolare della zona in cui ti trovi e sapranno sicuramente darti i consigli migliori.
  6. Informa qualcuno della destinazione Prima di partire è consigliabile condividere sempre con parenti ed amici alcune informazioni chiave che, in caso di emergenza, permetteranno di far scattare i soccorsi senza ritardi. Stiamo parlando di: luogo, orario e durata dell’escursione.
  7. Utilizza gli strumenti giusti La tecnologia aiuta tantissimo è vero, ma non lasciarti influenzare troppo da essa. Con il GPS dello smartphone puoi conoscere la tua posizione e prevedere l’orario di arrivo, ma non affidarti soltanto al telefono. In montagna non sempre la copertura è sufficiente, e si rischia in poco tempo di trovarsi senza una guida da seguire. Per questo è importante prepararsi prima dell’escursione, portando sempre con sé una mappa. Questo ti aiuterà anche a sviluppare un buon senso d'orientamento. PS: Lo smartphone è meglio utilizzarlo per scattare delle belle foto.

Ecco alcuni suggerimenti per il tuo outfit da montagna: (per altre informazioni clicca qui e leggi il nostro articolo dedicato).








TORNA IN CIMA